IL PROGETTO PER REALIZZARE
FABLAB NELLE SCUOLE DEL
NORD-EST

Al Giorgi si respira innovazione!

31 ottobre 2014 | fablab | stampa 3D | innovazione | IPSIA Giorgi | Verona | drone | ITIS Marconi - Verona | Veneto |

Qualche anno fa pensando a un Istituto Tecnico per l’Industria e l’Artigianato (I.P.S.I.A.), venivano in mente attrezzature pesanti, rumorose e oleose. Al di là dell’aspetto, talvolta ferrigno, tali strumentazioni si sono dimostrate del tutto necessarie a preparare e formare gli studenti al mondo del lavoro industriale italiano.

Con il passare degli anni queste apparecchiature si sono evolute, diventando sempre più intelligenti, digitali e meno ingombranti.

L’I.P.S.I.A. Giorgi e l’I.T.I.S. Marconi esprimono a chiare lettere l’intento di rivolgersi a un mondo più tecnologico e del tutto evoluto. Infatti queste due scuole di Verona, da tempo, hanno pensato a percorsi didattici e progetti formativi incentrati sulla formazione e sull’utilizzo delle nuove tecnologie produttive, come ad esempio la stampante 3D, al servizio del nuovo Made in Italy.

L’istituto Giorgi, a tal proposito, ha attivato un iter didattico volto alla costruzione di una stampante 3D, denominata Giorgia e resa nota al pubblico in diversi eventi a carattere tecnologico e durante avvenimenti scolastici.

La costruzione della stampante Giorgia ha suscitato estremo interesse da parte degli studenti, ed  è così che anche quest’anno l’istituto Giorgi, coadiuvato dal docente Agazio Geracitano, insegnante di Tecnologia, ha pianificato un ulteriore corso per la costruzione della nuova stampante Giorgia 2, coinvolgendo gli studenti della 5BA e 5BM.

Tra le altre cose, l’istituto ha dato sfoggio delle elevate competenze dei propri studenti, come ad esempio la gara di droni volanti, in cui lo studente Andrea Falco è salito sul podio grazie al suo magnifico drone.

Anche l’I.T.I.S. Marconi dal canto suo ha lo sguardo rivolto al futuro, potendo contare su una stampante 3D, nominata “Guglielmino”.

La sfida che la terza rivoluzione digitale ha lanciato ha trovato pronte le due scuole, che in sinergia hanno colto il confronto con la nuova era digitale e hanno risposto con competenza, passione e determinazione!

Non si parlerà più solamente di utensili sbuffanti ma anche di apparecchiature digitali, intelligenti e del tutto innovative.



CONDIVIDI

FORSE PUÒ INTERESSARTI ANCHE

AIUTACI
A COSTRUIRE I FABLAB

SOSTIENI LE SCUOLE!